Centro Studi ARCE- Archivio Ricerche Carteggi Estensi

Cos'è ARCE-Archivio Ricerche Carteggi Estensi

ARCE è un centro di ricerca nato dalla collaborazione tra l’Archivio di Stato di Modena e il Dipartimento di Filologia Classica e Italianistica dell’Università degli Studi di Bologna con lo scopo di creare un concorso di competenze adatto ad uno studio continuo e sistematico di fonti documentarie particolarmente ricche, sedimentate nel vasto fondo dell'”Archivio Segreto Estense” conservato presso l'Archivio di Stato di Modena. Tale fondo copre un ampio periodo, dall'anno 781 ai primi del seolo XIX, dall'età carolingia all'epoca della caduta del Ducato Estense. Costituisce un'inesauribile miniera di preziose carte, da studiare, descrivere, catalogare, rendere fruibili secondo norme e modelli di rappresentazione e descrizione che si avvalgono delle più rigorose metodologie scientifiche e dei più avanzati criteri delle Digital Humanities. Considerata la vastità del giacimento, le due parti, con accordo triennale siglato l'11 e 17 dicembre 2015, hanno circoscritto il campo d'indagine ad una specifica tipologia documentaria, i carteggi, privilegiando il periodo cronologico compreso tra i secoli XV e XIX. L'impegno resta comunque alto, basti considerare solamente alcune tra le principali serie dell'Archivio Segreto Estense contenenti carteggi su cui indagherà il Centro ARCE:
Carteggi tra principi estensi, 1419-1817, bb.254 (Sezione Casa e Stato);
Carteggi con principi esteri, 1123-1795, bb.641 (Sezione Cancelleria);
Carteggio ambasciatori, 1376-1796, bb.1699 (Sezione Cancelleria);
Archivi militari, 1452-1796, bb.305, regg.34 (tra cui i dispacci dei condottieri di ventura), (sezione Cancelleria);
Carteggi di particolari, 1019-sec.XVIII, bb.1205 (tra cui i carteggi di letterati) (sezione Cancelleria);
Archivio per materie, secc. X-XIX, bb.200, regg.5 (sezione Cancelleria).

 

Finalità del Centro di ricerca

Scopo principale di ARCE è quello di orientare e rendere possibile un’originale e altamente specialistica attività di studio, senza tuttavia rinunciare alla ricaduta “divulgativa” nel più alto senso della formazione culturale e della valorizzazione di un patrimonio straordinario del nostro Paese.
ARCE individuerà i documenti dell’Archivio di Stato di Modena da studiare e pubblicare in formato cartaceo e/o elettronico, seguendo, in questo ultimo caso, la normativa archivistica internazionale ISAD(G), e li metterà a disposizione degli studiosi competenti, con particolare riferimento ai giovani ricercatori.

Sulla base di questi documenti potranno essere svolte pubblicazioni a stampa e on line, redatte tesi magistrali e di dottorato, scritti articoli e saggi su riviste specialistiche. ARCE promuoverà inoltre eventi, convegni, seminari e mostre relativi allo stato della ricerca in corso sui carteggi estensi.

 

In particolare ARCE sta ora attendendo ad alcuni specifici obiettivi:

- in occasione del 500° anniversario dalla pubblicazione dell'Orlando Furioso:

realizzazione dell'evento "Il Segno di Ariosto. Autografi e carte ariostesche nell'Archivio di Stato di Modena" articolato in una tavola rotonda, una mostra documentaria e un ciclo di conferenze (con allestimento “parallelo” presso la biblioteca di Filologia Classica e Italianistica dell'Università di Bologna)

pubblicazione on line degli autografi di Ludovico Ariosto presenti in Archivio di Stato di Modena, che verranno corredati di descrizione del documento, di trascrizione tratta dalle edizioni critiche, di strumenti di ricerca che rendano interrogabile il testo sotto diversi profili

- creazione di un sito web già in via definizione in cui inserire inventari digitalizzati, documenti e carteggi digitalizzati e trascritti secondo le norme standard condivise di descrizione;

- pubblicazione degli “Atti” di tali giornate di studio  anche utilizzando la rivista on-line dell'Archivio di Stato di Modena “Quaderni Estensi”;