PEC: mbac-as-mo[at]mailcert.beniculturali.it   e-mail: as-mo[at]beniculturali.it   tel: (+39) 059 230549

Archivio di Stato di Modena

Archivissima 2021 - La Notte degli Archivi

L'Archivio di Stato di Modena partecipa alla sesta edizione de La Notte degli Archivi dedicata al tema Generazioni.

Per la prima volta l’evento avrà una formula ibrida: live, con eventi organizzati nelle sedi degli archivi, e online, sui media della manifestazione: una grande rete “virtuale” che unirà in una notte speciale tutti gli archivi partecipanti dando vita al primo grande palinsesto nazionale legato agli archivi.

Diverse le formule previste, per un unico grande obiettivo: proporre nuovi modelli di fruizione e di narrazione dei patrimoni storici, partendo dai contenuti d’archivio attraverso talk, speech, podcast, video, mostre, visite guidate, performance artistiche. 

Gli appuntamenti del nostro palinsesto prevedono, per la sera del 4 giugno a partire dalle 21, quattro presentazioni video legate al tema dell'edizione.

 

PROGRAMMA

ore 21.00
La digitalizzazione per gli alberi genealogici

Partendo dagli studi sulle genealogie estensi a cura di Laura Turchi, brevemente rielaborate per l'evento da Lorenza Iannacci e Annalisa Sabattini, sarà illustrato in dettaglio il lavoro di digitalizzazione in Gigapixel realizzato dal fotografo Ghigo Roli sull'albero genealogico della famiglia d'Este (ramo ducale) edito tra il 1560 e il 1564 da Girolamo Falletti.

(link al video) (accedi alla pagina di presentazione)

ore 21.30
Generazioni che non si incontrano
Verrà illustrata la ricerca trasversale condotta da Margherita Lanzetta su vari fondi archivistici, relativa alla ricostruzione di una storia personale della seconda metà dell'800 attraverso fonti quasi inesplorate.

(link al video)

ore 22.00
De cognominum origine. Quando e perché sono nati i cognomi nella tradizione italiana.
Dalla Dissertazione 42 di L.A. Muratori alle evidenze documentarie nelle fonti dell'Archivio di Stato di Modena e dell'Archivio Storico Comunale di Modena

Presentazione del progetto didattico sviluppato dalla classe 2C del Liceo Muratori-San Carlo di Modena, coordinati dalla prof.ssa Marta Soli e dell'archivista Riccardo Pallotti. Sono stati oggetto di studio due eccezionali diplomi di Carlo Magno e Matilde di Canossa, conservati nell' Archivio di Stato di Modena e il "Liber Magne Masse populi civitatis Mutine", conservato nell' Archivio Storico Comunale di Modena, altrettanto eccezionale attestazione della cristallizzazione dei cognomi, in territorio modenese, già dagli inizi del Trecento. A seguire, la presentazione dell'albero genealogico di una studentessa della classe 2C, ricavato  dalle informazioni desunte dal Portale Antenati, e l'albero genealogico di Lodovico Antonio Muratori. In conclusione verranno illustrati i 10 cognomi più diffusi in Italia, in Emilia e a Modena.

(link al video)

ore 22.30
Dagli Appennini alle Ande: genealogia e vicende della famiglia dei conti Sabbatini di Modena

A partire dai documenti conservati nell'archivio privato Sabbatini, verranno illustrate le ricerche svolte da Tiziana Maria Osio per la ricostruzione dell'albero genealogico della famiglia.
Da Fanano, sull’Appennino modenese, fino all’America Latina, non proprio sulle Ande ma nel cuore della foresta Amazzonica, o meglio nelle piantagioni di caucciù di fine '800 al confine con Bolivia e Paraguay, in pieno boom del commercio della gomma elastica, per finire nel teatro Amazonas di Manaus, all’epoca di Caruso e Beniamino Gigli.

(link al video)



Ultimo aggiornamento: 23/06/2021